A chi piacciono le castagnole?

Nell’ultimo periodo Marty sta risentendo particolarmente il fatto che io – a differenza di quasi tutte le mamme dei suoi compagni di classe – lavori e torni a casa tardi. Ragion per cui le avevo promesso che, in concomitanza delle giornate di chiusura scolastica per il Carnevale, avrei preso qualche giorno di ferie e ne avremmo approfittato per stare insieme. Quale occasione migliore per metterci a pasticciare un po’?

Abbiamo sperimentato un dolce tipicamente carnevalesco e molto gustoso: le castagnole.

Di seguito gli ingredienti e il procedimento. Io ne ho fatte parecchie perché le ho portate anche ai colleghi in ufficio, ma per 4-6 persone potete tranquillamente dimezzare le dosi (ed evitare di passare mezza mattinata, ai fornelli, a friggere 😰😰😰).

400 gr. di farina
4 uova
100 gr. di burro
100 gr. di zucchero
1 bustina di lievito per dolci
1 cucchiaio di scorza grattugiata di limone
2 bustine di vanillina
1 fiala aromatica all’anice
1 pizzico di sale

Disponete su un ripiano la farina con al centro lo zucchero, le uova, il burro, la vaniglia, il sale, la scorza grattugiata di limone, l’aroma all’anice ed il lievito.
Lavorate gli ingredienti fino ad amalgamarli tutti, ottenendo un panetto morbido.

Con l’impasto ottenuto formate dei cordoncini dello spessore di un paio di centimetri circa e tagliateli a pezzetti.

Adesso date ai vari pezzetti (e qui Martina mi è stata di grande aiuto) la forma di palline.

Friggete le castagnole un po’ alla volta in abbondante olio, rigirandole nella padella finché risulteranno ben gonfie e dorate.

Rotolate le palline ancora calde nello zucchero semolato e servitele tiepide.

Commenti

Leave a Reply