A Nola torna “L’Officina della Speranza”

Tutto pronto, a Nola (NA), per la seconda edizione de “L’Officina della Speranza“. Una settimana di sport, teatro e incontri, promossi dalla libreria per ragazzi “Bibì&Cocò“, che servirà a raccogliere fondi a sostegno dei progetti della Fondazione pediatrica Bambino Gesù di Roma.

Si parte sabato 18 maggio con la “Partita del Cuore”. Appuntamento alle ore 18:00, presso il PalaMerliano di Nola, per la sfida di volley tra Associazione Nazionale Magistrati e la selezione Regionale under 15 Fipav Campania .

L’evento, organizzato dalla società di Volley del Nola Città dei Gigli, in collaborazione con Bibì & Cocò, vedrà la partecipazione di Luca Sepe di Radio Kiss Kiss, che animerà l’intera manifestazione, e l’intervento della professoressa Concetta Quintarelli, ricercatrice del dipartimento di Onco-Ematologia Pediatrica e Medicina Trasfusionale dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma.

L’acquisto dei biglietti (costo 5€) in prevendita sarà possibile presso la sede della libreria a Nola, in corso Tommaso Vitale.

Dopo la partita del cuore, questa seconda edizione de “L’Officina della Speranza” proseguirà, lunedì 20 maggio, con la rappresentazione teatrale “I ragazzi della terza stella“, messa in scena presso il teatro della parrocchia Maria S.S. della Stella, dalla compagnia teatrale “Pipariello“.

Martedì 21 maggio, invece, sarà presente in libreria l’autore Maurizio De Giovanni per un incontro con i più piccini, mentre il giorno 22 sarà La Casa dei Conigli ad organizzare il laboratorio “Magiche proiezioni”.

Giovedì 23 maggio è di scena lo spettacolo per bambini “Dalla parte del lupo” (Il Teatro nel Baule), mentre venerdì 24 maggio, spazio al laboratorio “Il vulcano in libreria” a cura di Scienza Semplice.

L’Officina della Speranza si chiuderà sabato 25 maggio con il Mercatino dei libri usati, gestito dai bambini.

“Le tante persone che passano attraverso certe terribili esperienze – spiega Carmela Cassese di Bibì&Cocò e una delle organizzatrici de L’Officina della Speranza – possono testimoniare l’impegno, il sacrificio e la grande disponibilità delle numerose professionalità che operano al servizio dei bambini. Per noi, per loro, l’Ospedale del Bambin Gesù resta un’isola della speranza. Con la nostra iniziativa intendiamo alimentare concretamente questa speranza. Gli ottimi risultati raggiunti l’anno passato, l’entusiasmo di tanti che hanno contribuito a questo progetto, ci ha spinto a riproporre nuovamente questa iniziativa, che mi auguro, anno dopo anno possa crescere e coinvolgere sempre più persone”.

“E’ doveroso – conclude Stefania Stefanile, l’altra organizzatrice de L’Officina della Speranza – ringraziare tutti i nostri partner e sponsor, è grazie a loro che è stato possibile coprire in via diretta le varie spese in modo da poter destinare l’intero ricavato delle manifestazioni alla Fondazione. Rispetto alla prima edizione si è riusciti ad ampliare la rete solidale, coinvolgendo numerose realtà che hanno in pieno sposato la nostra causa”.

Commenti

Leave a Reply